La tua Impronta fa la Differenza

0eef0c91b267e5485bf63f9b29c8cd18?s=47 Pietro
July 18, 2014

La tua Impronta fa la Differenza

Impostazione e sperimentazione di un progetto per promuovere comportamenti virtuosi in ambito ambientale.
BSc Thesis of Giulia Petronella

0eef0c91b267e5485bf63f9b29c8cd18?s=128

Pietro

July 18, 2014
Tweet

Transcript

  1. “La tua Impronta fa la Differenza”: Impostazione e sperimentazione di

    un progetto per promuovere comportamenti virtuosi in ambito ambientale Relatore: Laureanda: Adolfo Villafiorita Giulia Petronella Correlatore: Pietro Benedetto Molini Anno Accademico 2013- 2014 Università degli Studi di Trento Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'Informazione Corso di laurea in Ingegneria dell'Informazione e dell'organizzazione d'impresa
  2. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 2 Contesto Generale Obiettivo Riciclo

    Europeo: • Riciclaggio e riutilizzo rifiuti urbani deve aumentare al 70% entro il 2030 • Riciclaggio e riutilizzo dei rifiuti di imballaggio deve aumentare al 80% entro il 2030 • Ridurre la produzione di rifiuti alimentari del 30% entro il 2025 Riciclo Tool Progetti Educativi
  3. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 3 Progetto Educativo • Obiettivi:

    consapevolezza, azioni virtuose, replicabilità, sostenibilità • Beneficiari: studenti, docenti, territorio → PILOTA
  4. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 4 Tematica Il progetto pilota

    centrato su: IMPRONTA ECOLOGICA vicino alla quotidianità, adeguato al Target
  5. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 5 Impronta Ecologica È un

    indicatore che mette in relazione gli stili di vita di una popolazione con la quantità di natura necessaria per sostenerli e si esprime in ettari pro-capite di superfcie naturale produttiva utilizzata L'impronta ecologica è composta da: categorie di consumo categorie di spazio ecologico La metodologia di base per il calcolo prevede generalmente le seguenti fasi: Stima per ogni bene e servizio del consumo medio pro-capite della popolazione Calcolo della superfcie necessariaper la produzione dello specifco bene.
  6. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 6 Pilota • STRUMENTI Gli

    strumenti educativi utilizzati nel progetto organizzano le informazioni rendendole logiche, accessibili ed applicabili. I) Presentazione Teorica SCOPO PRINCIPALE IMPRONTA ECOLOGICA Introduzione al problema mediante concetti chiave quali: risorsa ambientale, caratteristiche morfologiche della Terra, rifuti e impatto ambientale.
  7. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 7 Pilota • STRUMENTI II)

    Procedura per il calcolo dell'impronta Ogni categoria di consumo sfrutta la capacità produttiva o di assorbimento di una determinata superfcie di terra o d'acqua, detta spazio ecologico. Per la computazione dell'impronta si utilizza questa procedura di calcolo: CONSUMO DI x FATTORE DI BENI/SERVIZI CONVERSIONE ALIMENTI CM UM FC IE= CM x FC Pasta, riso, cereali Kg/mese 0 Kg/mese 0 Vegetali, patate, frutta Kg/mese 0 Legumi Kg/mese 0 Latte, yogurt Kg/mese 0 Burro, formaggi Kg/mese 0 Carne (manzo) Kg/mese 0 Kg/mese 0 Carne (maiale) Kg/mese 0 Pesce Kg/mese 0 TOTALE Alimenti ----------------------------------------> A 0 ABITAZIONE 0 Elettricità Kwh/mese 0 Riscaldamento (gas) Metri cubi/mese 0 Kwh 0 Riscaldamento (liquido) Litri/ mese 0 TOTALE Abitazione --------------------------------------> B 0 TRASPORTI 0 Automobile da soli Km/mese 0.0 Automobile in due Km/mese 0.0 Automobile in tre Km/mese 0.0 Km/mese 0.0 Taxi Km/mese 0.0 Motocicletta/motorino Km/mese 0.0 Autobus Km/mese 0.0 Ferrovia, tram, metro Km/mese 0.0 Traghetto Km/mese 0.0 Aereo Km/mese 0.0 TOTALE Trasporti ----------------------------------------> C 0 Impronta Ecologica : A+ B + C (metri quadrati)= 0 Consumo Mensile Unità di misura consumo Fattore di conversione Unita di misura consumo Pane e prodotti di panetteria Carne (pollame, tacchino, ecc) 1 kg di legname (umidità 25%) Automobile in quattro o più
  8. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 8 Pilota • STRUMENTI III)

    Lavoro di gruppo I passi fondamentali da seguire in questa fase sono quindi: 1. Suddivisione in gruppi 2. Descrizione dello scenario di riferimento 3. Assegnazione di un oggetto 4. Individuazione delle possibili strategie risolutive 5. Individuare le problematiche nell'attuazione delle strategie 6. Discussione delle strategie
  9. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 9 Risultati del pilota Analisi

    dei dati rilevati rispetto a: • Calcolo impronta ecologica: MEDIA CLASSE > MEDIA ITALIANO 5.38 ettari pro-capite 4.71ettari pro-capite • Azioni “virtuose” per ridurre l'impronta: proposte, suggerimenti, idee ALIMENTI CM UM FC IE= CM x FC 8 195 1560 24 206 4944 44.5 51 2269.5 2 452 904 Latte, yogurt 32 93 2976 3.5 851 2978.5 1 2021 2021 6 363 2178 3 729 2187 7.5 4981 37357.5 59375.5 ABITAZIONE 0 475 16 7600 1086 58 62988 0 3.84 0 0 78 0 70588 TRASPORTI 0 280 6.4 1792.0 Automobile in due 47 3.2 150.4 10 2.1 21.0 20 1.4 28.0 Taxi 0 12.7 0.0 90 4.7 423.0 530 2.3 1219.0 0 2.7 0.0 0 13.7 0.0 0 19.7 0.0 3633.4 133596.9 13.35969 Consumo Mensile Unità di misura consumo Fattore di conversione Unita di misura consumo Pasta, riso, cereali Kg/mese Pane e prodotti di panetteria Kg/mese Vegetali, patate, frutta Kg/mese Legumi Kg/mese Kg/mese Burro, formaggi Kg/mese Carne (manzo) Kg/mese Carne (pollame, tacchino, ecc) Kg/mese Carne (maiale) Kg/mese Pesce Kg/mese TOTALE Alimenti ----------------------------------------> A Elettricità Kwh/mese Riscaldamento (gas) Metri cubi/mese 1 kg di legname (umidità 25%) Kwh Riscaldamento (liquido) Litri/ mese TOTALE Abitazione --------------------------------------> B Automobile da soli Km/mese Km/mese Automobile in tre Km/mese Automobile in quattro o più Km/mese Km/mese Motocicletta/motorino Km/mese Autobus Km/mese Ferrovia, tram, metro Km/mese Traghetto Km/mese Aereo Km/mese TOTALE Trasporti ----------------------------------------> C Impronta Ecologica : A+ B + C (metri quadrati)= Impronta Ecologica (ettari) : A+ B + C (metri quadrati)/10000=
  10. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 10 Lessons Learned Soddisfazione studenti

    Entusiasmo insegnanti Efficace stato di conformità Questionari Tempistiche
  11. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 11 Sviluppi futuri Realizzazione di

    interviste, questionari, report Sistemi di comunicazione Organizzare visite guidate Organizzare giornate dedicate alla pulizia Creare laboratori didattici Estendere il progetto alla multidisciplinarietà
  12. Giulia Petronella 18 Luglio 2014 12 Grazie per l'attenzione