Upgrade to Pro — share decks privately, control downloads, hide ads and more …

Guida al Referendum per l'Autonomia

Guida al Referendum per l'Autonomia

F7c545371b82314dca20d6ad3089c3ce?s=128

Nostra Dalmine

October 19, 2017
Tweet

Transcript

  1. Guida al Referendum per l’Autonomia

  2. None
  3. Cosa stiamo facendo

  4. Piscina

  5. Porta Nord

  6. Agenda Digitale

  7. Giovani e Lavoro

  8. Censimento fontanelle

  9. Scaletta della serata Introduzione all’autonomia e alle funzioni dei vari

    enti in Italia Cosa si vota, perché si vota e quali sono le posizioni I principali “falsi miti” della consultazione La novità del voto elettronico Special moment Dibattito
  10. None
  11. Forme di autonomia Stato unitario Stato regionale Stato federale

  12. Sistema amministrativo italiano ARTICOLO 5 La Repubblica, una e indivisibile,

    riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento. ARTICOLO 114 La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione. Roma è la capitale della Repubblica. La legge dello Stato disciplina il suo ordinamento.
  13. Sistema amministrativo italiano

  14. Autonomia delle regioni Autonomia Politica Autonomia Statutaria Autonomia Normativa (ART

    117) Autonomia Amministrativa (ART 118) Autonomia Finanziaria (ART 119)
  15. Regioni speciali Sicilia Sardegna Trentino Alto Adige Friuli Venezia Giulia

    Valle D’Aosta
  16. Periodo liberale Stato centrale ha tutti i poteri Uniformità per

    tutti i Comuni Assenza delle Regioni Importanza della figura del Prefetto No autonomia politica
  17. Periodo fascista Nessuna autonomia

  18. Periodo repubblicano 1 Anni ’70 Elezione presidenti delle Regioni “ordinarie”

    Approvazione statuti regionali Poteri amministrativi alle Regioni
  19. Periodo repubblicano 2 Anni ’90 Principio di sussidiarietà: lo svolgimento

    delle funzioni pubbliche deve essere svolto al livello più vicino ai cittadini
  20. La riforma del 2001 Consiglio delle autonomie regionali Potenziata autonomia

    legislativa Regioni(ART 117) Federalismo fiscale
  21. I tentativi di riforma 2006 Governo Berlusconi riforma costituzionale per

    diventare sistema federale. Referendum: vince il NO 2016 Governo Renzi riforma costituzionale per tornare al centralismo. Referendum: vince il NO.
  22. Autonomia finanziaria 1 Prima della riforma del 2001: Autonomia finanziaria

    limitata Autonomia di spesa Autonomia di entrata limitata --> sistema finanziario derivato: trasferimenti dallo stato centrale vincolati alla destinazione
  23. Autonomia finanziaria 2 Dagli anni ’90: Le Regioni possono istituire

    imposte proprie Soppressi quasi tutti i fondi statali Tributi per rifiuti e studio universitario IRAP e addizionale IRPEF --> sistema finanziario compartecipato
  24. Autonomia finanziaria 3 Dopo la riforma del 2001: Piena autonomia

    di entrata Fondo per enti ai quali non bastano le entrate --> sistema finanziario di federalismo fiscale: risorse delle Regioni sono la voce principale PERÒ il processo verso il federalismo fiscale si è interrotto perché non è stato terminato l’iter
  25. Regionalismo differenziato La Regione può chiedere allo Stato di gestire

    un numero più alto di competenze (ART 116) NON vuol dire diventare a Statuto speciale Nessuno ci è mai riuscito appieno
  26. Testo del referendum “Volete voi che la Regione Lombardia, in

    considerazione della sua specialità, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione e con riferimento a ogni materia legislativa per cui tale procedimento sia ammesso in base all’articolo richiamato?”
  27. Temi del referendum Dall’articolo 117: Rapporti internazionali Commercio con l’estero

    Sicurezza del lavoro Istruzione Albi e bandi professionali Ricerca Salute Alimentazione Sport Protezione civile Governo del territorio Porti e aeroporti Reti di trasporto Comunicazione Energia Previdenza Finanza e tributi Beni culturali Casse di risparmio & Co Enti credito fondiario o agrario
  28. Cosa succede se vince il SÌ 1) La giunta regionale

    andrà dal governo centrale per aprire i negoziati 2) Se il Governo accetta, inizia un dialogo per trovare un accordo 3) Se si raggiunge un accordo, questo viene messo al voto in parlamento 4) Se il parlamento approva, l’accordo è valido
  29. Un po’ di dati

  30. Popolazione

  31. Numero di imprese industriali

  32. Numero di addetti nell’industria

  33. PIL pro capite

  34. Spesa pro capite

  35. Residuo fiscale pro capite

  36. Disoccupazione

  37. Aziende inquinanti

  38. Schieramenti SÌ ASTENSIONE ???

  39. Motivazioni del SÌ Scuole più sicure ed all’avanguardia Più borse

    di studio e rette più leggere Trasporti pubblici migliori Più lavoro per i giovani Sanità migliore e meno costosa No bollo auto ed addizionale IRPEF Più tutela per beni artistici e culturali Protezione dell’ambiente Asili gratis e fondi per disabili
  40. Motivazioni del NO Strumento non necessario Strumento di propaganda di

    fine mandato Costoso (55 milioni di euro) Ingannevole ed ambiguo (non si ottiene autonomia)
  41. Fact-Checking

  42. È un referendum sull’autonomia? Dipende

  43. I referendum di Lombardia e Veneto rispettano la Costituzione? Sì

  44. Si poteva agire diversamente? Sì

  45. None
  46. È un referendum leghista? Non troppo

  47. È vero che se vince il NO non ci sarà

    alcuna possibilità di trattare con lo Stato per ottenere maggiore autonomia? No
  48. È vero che se vince il SÌ la Lombardia potrà

    chiedere più autonomia nelle scelte che riguardano la sicurezza e l'immigrazione? No
  49. Il residuo fiscale è argomento del referendum? No

  50. Il voto elettronico

  51. Due parole sul referendum Si vota domenica 22 ottobre dalle

    7 alle 23 Si vota al proprio seggio elettorale Votano i residenti in Lombardia È un referendum consultivo Non è previsto quorum
  52. None
  53. Prima

  54. Ora ???

  55. None
  56. Demo

  57. Versione di test nostradalmine.it/referendum

  58. Prima di aprire il dibattito...

  59. Guida completa All'uscita troverete un modulo: lasciateci la mail per

    ricevere la GUIDA COMPLETA al Referendum
  60. Quiz Time

  61. Prima domanda Quante e quali sonole ragioni a statuto speciale

    in Italia?
  62. None
  63. RISPOSTA Prima domanda Cinque Sardegna Sicilia Trentino Alto Adige Friuli

    Venezia Giulia Valle d’Aosta
  64. PREMIO Prima domanda

  65. Seconda domanda Sono tutte parole che fanno parte del quesito

    che troveremo sulla scheda del referendum, tranne una... quale? Costituzione – Regione – Unità – Autonomia – Risorse – Governo – Procedimento – Materia
  66. None
  67. RISPOSTA Seconda domanda Governo

  68. PREMIO Seconda domanda

  69. Terza domanda Individua i due temi che non vengono toccati

    dal Referendum per l’Autonomia: Alimentazione - Sport - Moneta - Aeroporti - Sicurezza del lavoro - Commercio estero - Ricerca scientifica - Confessioni religiose - Salute - Porti - Reti di trasporto
  70. None
  71. RISPOSTA Terza domanda Moneta e confessioni religiose

  72. PREMIO Terza domanda

  73. Dibattito

  74. nostradalmine

  75. None